Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie

Rimani informato sugli aggiornamenti di SOS-OFFICE. Inserisci il tuo indirizzo e-mail: Informativa sulla privacy

Nella versione di 2016 di Excel è stato introdotto il tipo di grafico Pareto, il che rende la creazione di questo tipo di grafico più veloce, ma non significa che, con un po’ di lavoro, si possa creare un grafico Pareto anche nelle versioni precedenti.

Prima di cominciare vediamo che tipo di grafico si tratta. Il grafico Pareto prende il nome dall’economista italiano Vilfredo Pareto che, nel XIX secolo, aveva teorizzato che il 20% delle cause produce l’80% dei risultati: questo è noto come Principio di Pareto. Pareto era partito dalla analisi della distribuzione della ricchezza in Italia e dalla constatazione che, ai suoi tempi, circa il 20% della popolazione del paese possedeva l'80% delle terre.

Dopo aver formulato il suo principio, Pareto elabora un tipo di diagramma per rappresentarlo. Il grafico Pareto è costituito da un istogramma con i singoli valori ordinato in modo decrescente e una linea che rappresenta le percentuali cumulative di questi valori.

Il grafico di Pareto trova moltissime applicazioni in diversi campi. Ad esempio, nei sistemi di controllo della qualità viene utilizzato per rappresentare le cause di difettosità più comuni, i motivi delle lamentele dei clienti, i difetti più comuni….

Proviamo a realizzare un grafico di questo tipo con Excel. Immaginiamo di aver i dati relativi alle segnalazioni di difettosità che vedete nella tabella seguente

 

A

B

1

Difettosità

Occorrenze

2

Abbandono abusivo rifiuti

3

3

Bidoncini

11

4

Calotte e Portelle volumetriche

146

5

Cassonetti

50

6

Servizio di spazzamento

2

7

Servizio Raccolta Campane

7

8

Servizio raccolta Cassonetti

20

9

Servizio raccolta Farmaci o Pile

1

10

Servizio Raccolta PAP

27

11

Servizio ritiro olio

16

12

Servizio ritiro Toner

4

13

Servizio scarrabili e Piazzole Ecologiche

9

 

Come prima operazione dovete ordinare la colonna B in ordine decrescente, quindi calcolare in B14 (o dove vi risulta più comodo la somma delle occorrenze (=SOMMA(B2:B13))

Nella colonna C dovete ora calcolare l’incidenza percentuale di ciascun valore. In C2, la formula sarà =B2/$B$14

Nella colonna D dovremo ora calcolare la percentuale cumulativa, ossia una colonna in cui ogni riga è il totale delle percentuali nelle righe precedenti. In D2 la formula sarà =SOMMA($C$2:C2). In D13, dopo il trascinamento, la formula sarà =SOMMA($C$2:C13)

A questo punto, selezionate i dati delle colonne A, B e D (tenete premuto CTRL mentre selezionate le celle della colonna D, dopo aver selezionato le celle della colonna A e B)

Inserite un istogramma semplice (il primo tipo di istogramma che Excel propone).

Ora dovete selezionare sul grafico la serie delle percentuali cumulative. Se non riuscite a prenderle sul grafico perché sono troppo piccole, selezionate il grafico, portatevi nella scheda la scheda Formato del gruppo Strumenti grafico. Nella parte sinistra di questa scheda, trovate il gruppo di comandi Selezione corrente. Qui fate clic sulla freccia accanto alla casella Elementi grafico e quindi selezionare l'elemento del grafico che vi interessa, nel mio caso Serie “Percentuale cumulativa”.

A questo punto, appena sotto alla casella Elementi grafico, trovate la voce Formato selezione che trovate anche, col nome Formato serie dati, nel menu contestuale che ottenete facendo clic col tasto destro del mose sulla serie in questione direttamente nel grafico.

Vedrete la finestra Formato serie dati. Qui scegliete Asse secondario, in modo da tracciare questa secona serie su un asse secondario con una scala di valori diversa, più adatta ai reali valori della serie che in questo modo risulterà meglio visibile sul grafico.

Lasciando la serie selezionata, fate clic su di essa con il tasto destro del mouse e scegliete Cambia tipo di grafico serie. Per la serie selezionate un grafico a linee (il primo che vedete).

Abbiamo ottenuto il grafico che ci occorreva.

Excel 2016

Excel 2016 semplifica decisamente le cose, infatti, come abbiamo anticipato all’inizio dell’articolo, con questa versione del programma, il grafico Pareto è disponibile fra i tipi di grafico predefiniti.

Basta selezionare i dati, senza bisogno di metterli in ordine decrescente, e scegliere fra i tipi di grafico il Pareto

Attachments:
Download this file (pareto.xlsx)pareto.xlsx[ ]23 kB
Joomla templates by a4joomla