Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie

Rimani informato sugli aggiornamenti di SOS-OFFICE. Inserisci il tuo indirizzo e-mail: Informativa sulla privacy

Gli intervalli dinamici sono utili anche quando si costruiscono le tabelle pivot. Se la tabella pivot sarà basata su un intervallo dinamico e non su un intervallo statico, sarà più facile mantenerla aggiornata anche quando si aggiungono righe alla tabella di origine.

 

La prima cosa da farsi è costruire con la solita tecnica un  intervallo dinamico con nome che selezioni la tabella di origine.

Se la tabella è quella della figura che segue

L’intervallo che genera una tabella pivot DEVE contenere le intestazioni di colonna, altrimenti Excel non è in grado di costruire la tabella pivot

L’intervallo origine va costruito con la formula

=SCARTO($A$1;0;0;CONTA.VALORI($A:$A);CONTA.VALORI($1:$1))

A questo punto, quando si costruisce la tabella Pivot, basta specificare l’intervallo dinamico appena definito come origine per la pivot stessa.

A questo punto, se dopo aver costruito la tabella pivot aggiungiamo ai dati di origine una nuova riga

Mese

Venditore

Categoria

Unità

Fatturato

Pagato

Aprile

Rossi

Video

12

€   10.000,00

si

Basterà aggiornare la tabella pivot (pulsante a forma di punto esclamativo rosso sulla barra degli strumenti tabella pivot in Excel 2003 o scheda Opzioni degli strumenti Tabella Pivot, gruppo Dati, pulsante Aggiorna con Excel 2007/2010) per vedere i nuovi dati nella tabella pivot, senza ridefinire l’intervallo di origine

Joomla templates by a4joomla