Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie

Rimani informato sugli aggiornamenti di SOS-OFFICE. Inserisci il tuo indirizzo e-mail: Informativa sulla privacy

Con questo post vogliamo iniziare una serie di post che prendono in considerazione gli strumenti di analisi di Excel, ossia una serie di strumenti per l’analisi statistica dei dati. Questi strumenti vanno installati come componente aggiuntivi (comunque disponibili a chiunque disponga del pacchetto di installazione di Office).

Questi strumenti sono disponibili per tutte le versioni di Excel. Ecco come fare ad installarli.

Versioni precedenti ad Excel 2007

Scegliete Strumenti > Componenti aggiuntivi. Vedrete la finestra Componenti aggiuntivi. Qui selezionate la voce Strumenti di analisi e fate clic su OK. D’ora in avanti, gli Strumenti di analisi (Analisi dati) saranno disponibili dal menu Strumenti.

Excel 2007 e 2010

Occorre aprire la finestra Opzioni. Per farlo con Excel 2007, premete il pulsante Microsoft Office e, nel relativo menu, scegliete Opzioni di Excel, mentre con Excel 2010 portatevi al Backstage (scheda File) e premete il pulsante Opzioni.

Una volta aperta la finestra Opzioni, portatevi alla sezione Componenti aggiuntivi. Nella parte bassa della finestra, premete il pulsante Vai, badando che nel menu a discesa Gestisci sia presente la voce Componenti aggiuntivi di Excel. A questo punto, vedrete la finestra Componenti aggiuntivi.

Selezionate l'opzione Strumenti di analisi e premete Ok. Sulla scheda Dati della barra multifunzione, all'estrema destra, compare il nuovo gruppo Analisi che contiene il pulsante Strumenti di analisi dal quale si potrà avviare questo strumento.

Una volta che abbiamo a disposizione  gli strumenti di analisi, possiamo cominciare ad usarli. Scegliete Strumenti > Analisi dati, oppure usate il pulsante Analisi dati della scheda Dati. Visualizzate la finestra Analisi dati con l’elenco di tutti gli strumenti disponibili.

Come vedete gli strumenti disponibili sono moltissimi. Ne analizzeremo uno per volta. Oggi cominciamo con la Media mobile.

La media mobile

La media mobile permette di analizzare l’andamento di alcuni dati in certo periodo. In pratica la media mobile fa la media di un determinato gruppo di valori per volta e mostra i risultati. La media mobile restituisce un intervallo di valori, ottenuto facendo tante media del valori di partenza.  I valori risultato, ad esempio, possono essere calcolati in questo modo: il primo valore restituito è la media  dei primi tre valori da analizzare, il secondo valore restituito è la media del secondo, terzo e quarto valore da analizzare, il terzo valore restituito è la media del terzo, quarto e quinto valore e così via. Facciamo un esempio, tanto per capire meglio.

Immaginiamo di avere i dati di accesso ad un sito internet in un mese

I dati mostrano una grande variabilità. Con la media mobile possiamo capirne meglio, l’andamento.

Aprite la finestra Analisi dati che abbiamo mostrato prima e scegliete Media mobile. Vedrete la finestra

Nella casella Intervallo Input, occorre inserire l’intervallo di celle che contengono i dati di cui si vuole analizzare l’andamento. Questo intervallo deve essere costituito sempre da una singola riga o una singola colonna. Nel nostro caso specifico, si tratta delle celle da B1 a B31. Se il vostro intervallo, come del resto il nostro, contiene una riga di intestazione, selezione l’opzione Etichette nella prima riga.

Nella casella Intervallo, occorre definire il numero di valori da usare per la media mobile. All’inizio della discussione sulla media mobile, abbiamo detto che questa restituisce un insieme di valori ottenuti con medie parziali. Ecco, questo valore indica quanto deve essere grande l’intervallo di dati usato per le medie parziali. Il valore predefinito è 3. Un intervallo più ampio crea un insieme di risultati con meno variazioni. Un intervallo più piccolo comporta risultati più influenzati dalle singole variazioni nei dati di partenza.

La casella Intervallo di output vi chiede semplicemente di indicare da quale cella Excel deve cominciare a scrivere i risultati della media mobile. Per finire, se desiderate che oltre all’elenco di valori sia mostrato un grafico con i dati reali e la media mobile selezionate l’opzione Grafico in output.

Quando avete concluso la definizione delle opzioni, premete Ok per visualizzare i risultati.

Joomla templates by a4joomla